GLI ACCORDI DI PERFORMANCE COLLECTIVE : UN MODO PER RILANCIARE L’ATTIVITA’ ECONOMICA ?

Cos’è un accordo collettivo di performance?
Per soddisfare le esigenze legate al funzionamento dell’azienda o per preservare l’occupazione, in Francia una società puo’ stipulare un accordo collettivo di performance, con i rappresentanti del personale, per adeguare l’orario di lavoro, la retribuzione dei dipendenti e per determinare le condizioni di mobilità professionale .

Ad esempio, con un accordo di “performance collectivé” la società può :

  • Abbassare la retribuzione mensile nel limite dei minimi imposti dal contratto collettivo di settore ;
  • Ridurre o addirittura eliminare alcuni bonus (13°/14° mese);
  • Imporre la mobilità professionale geografica ad alcuni dipendenti.

La pandemia Covid-19 può giustificare la conclusione di un accordo collettivo di performance?
Il Codice del lavoro francese prevede che l’accordo debba definire nel preambolo gli obiettivi perseguiti . Spetta quindi al datore di lavoro giustificare che la crisi Covid-19 ha portato ad un rallentamento o addirittura ad un arresto totale dell’attività dell’azienda e che, alla luce di questa situazione, appare necessario adattare alcune clausole contrattuali.

Come tutti gli accordi aziendali, il contratto collettivo di performance può avere una durata fissa. In linea di principio, le parti sono libere di stabilire la durata dell’accordo, ma in assenza di specificazioni, si applicherà la durata legale di 5 anni.

Perché stipulare un accordo collettivo di performance durante il periodo di crisi Covid-19?
Al momento della sua creazione, il governo francese ha presentato i diversi vantaggi di tale tipo di accordo:

  • Adattamento alle conseguenze della crisi sanitaria sul mercato del lavoro;
  • Salvaguardia dei posti di lavoro;
  • Realizzazione di progetti di riorganizzazione senza dover avviare procedure di licenziamento per motivi economici.

Quali sono le regole per stipulare un contratto collettivo di performance?
Le condizioni di validità sono quelle del diritto comune:

  • In presenza di un delegato sindacale: l’accordo deve essere firmato dal datore di lavoro e da uno o più delegati sindacali che abbiano ricevuto almeno il 50% dei voti espressi a favore delle organizzazioni sindacali .

In caso contrario, può essere validamente concluso dal datore di lavoro e da una o più organizzazioni sindacali che abbiano ricevuto almeno il 30% dei voti espressi a favore delle organizzazioni sindacali rappresentative, a condizione che l’accordo sia approvato dai lavoratori con la maggioranza dei voti espressi.

  • In assenza di un delegato sindacale: per le imprese con meno di 11 dipendenti e per le imprese da 11 a 20 dipendenti senza Comitato economico e sociale (CSE);

Il datore di lavoro è l’unico firmatario dell’accordo che deve essere sottoposto all’approvazione della maggioranza dei 2/3 del personale .

Per le aziende con 11-49 dipendenti :

La validità dell’accordo è subordinata alla firma del datore di lavoro e di uno dei membri del CSE o dei dipendenti autorizzati.

In questo caso, l’accordo sarà approvato se sarà ratificato dai membri del CSE che rappresentano la maggioranza dei voti espressi a favore dei membri del CSE alle ultime elezioni professionali.

Per le imprese con almeno 50 dipendenti :

L’accordo deve essere firmato dal datore di lavoro e dai membri del CSE incaricati da una o più organizzazioni sindacali rappresentative del ramo a cui appartiene l’impresa.

La validità dell’accordo è subordinata alla sua approvazione da parte dei dipendenti a maggioranza dei voti espressi .

Quali sono gli effetti dell’accordo collettivo sul contratto di lavoro?
Una volta concluso, le disposizioni del contratto sostituiscono automaticamente qualsiasi clausola contraria e incompatibile del contratto di lavoro .

L’accordo del dipendente è formalmente necessario perché si tratta di una modifica del suo contratto di lavoro. In questo caso, esistono due ipotesi:

  • Se il dipendente è d’accordo, le clausole vengono automaticamente sostituite;
  • Se il dipendente si rifiuta, il datore di lavoro può licenziarlo per motivi economici .